Category Archives: Blog

Blog prodotti tipici Ariccini consigli informazioni su ricette, culture locali come quella della porchetta, storia di prodotti tipici del lazio.

Porchetta Arrosto al forno | Ingredienti

Ricetta della porchetta, porchetta al forno di casa come prepararla

La porchetta di Ariccia è anche conosciuta con il nome comune di “Porchetta Arrosto ” o “porchetta al forno”. Questo nome deriva dal fatto che il suino viene arrostito dopo essere stato condito con uno speciale mix di aromi esclusivamente naturali, per diverse ore all’interno di speciali forni per arrosto in grado di raccogliere il grasso di fusione ( strutto) che si forma durante il lungo processo di cottura. Quali sno i suoi ingredienti? Gli ingredienti sono semplici, carne si suino, Sale, Pepe nero, Rosmarino, Aglio.

Porchetta ingrosso

PREZZO PORCHETTA DI ARICCIA AL CHILO?

Porchetta ingrosso?
State cercando un laboratorio per acquistare porchetta ingrosso?

La nostra produzione artigianale di porchetta di Ariccia è in grado di soddisfare le richieste di negozi e rivenditori che abbiano la necessità di acquistare a prezzi da ingrosso la porchetta. I listini riservati agli operatori del settore sono disponibili su richiesta. potete richiederli per mezzo del form di contatto.

Panino con porchetta. Ovvero lo streetfood!

Porchetta sandwich recipe

Panino con porchetta.
Ovvero il modo migliore per uno spuntino streetfood! (“de noantri”)

Checchè se ne dica il modo migliore per consumare la porchetta di Ariccia è all’interno di un ” panino con porchetta” riccamente imbottito. La questione resta sul tipo di pane da adottare, c’è chi lo preferisce morbido tipo “ciriola” o “rosetta” che è un pane molto conosciuto a Roma come ai Castelli Romani, oppure i tradizionalisti secondo i quali un buon panino non deve prescindere da un pane casareccio, meglio se un “filone” visibile qui in basso o fette ricavate da una “pagnotta.”

La porchetta si scalda? Come mangiarla al meglio?

Panino con porchetta di Ariccia pane casareccio e crosta!

Come mangiare al meglio la porchetta? La porchetta si scalda?

Abbiamo deciso di scrivere questi consigli che possono essere seguiti o meno dipendentemente dai gusti personali.

Dopo avere ordinato online e ricevuto la porchetta presso di voi, ecco alcuni piccoli consigli, sperimentati da chi scrive, sulla conservazione, sia a breve termine che a lungo termine, e su come consumare al meglio questo prodotto tipico locale.

Porchetta tutto quello che volevate sapere.

Blog e discussioni sulla porchetta FAQ

Porchetta tutto quello che volevate sapere.
Come si fa: si parte da un suino di sesso femminile di almeno 50 Kg. Appena il suino viene disossato dal suo interno si condisce con spezie ed aromi, poi si mette in forno a 250 gradi per almeno 4 ore. Appena si estrave va seguito un processo di abbattimento della temperatura.

Come servirla: la porchetta viene servita fredda ma c’è anche a chi piace riscaldarla. Come si riscalda? Va messa in forno a 120 gradi per 10 minuti per apprezzarla calda.

Come mangiarla: il modo migliore di mangiarla a scapito della semplicità, è all’interno di due fette di pane casareccio, magari accompagnandola con un buon bicchiere di vino rosso. Ottima anche come antipasto tagliata in cubetti.

Come si conserva: è possibile conservare la porchetta in un frigo con temperatura da 4 a 6 gradi per 10 giorni e non oltre. Se è stata messa sottovuoto si conserva per 15 giorni in frigo senza aprire la confezione.
Quale?

Quale vino si abbina alla porchetta: la nostra indicazione è per un vino fermo e corposo tipo il rosso sangiovese, o il “collo torvo” delle terre dei volsci. Osate anche con un “Cannellino” bianco scoprirete molte note positive.
Dove?………

Coppa Suino che cosa è?

Come viene realizzata la coppa? Il processo produttivo odierno come quello antico prevede che le teste dei suini vengano immerse in delle vasche contenenti acqua portata ad ebollizione. Dopo alcune ore di trattamento all'interno di queste vasche, capirete come sia facile e possibile distaccare tutte le carni e l cartilagini dalle parti ossee del capo. Un abile disossatore dunque distacca minuziosamente ogni cartilagine e carne, mettendola in una vasca ad insaporire con aromi quali pepe,

Come viene prodotta la coppa di suino? O coppa di testa di suino?

Il processo produttivo odierno come quello antico prevede che le teste dei suini vengano immerse in delle vasche contenenti acqua portata ad ebollizione. Dopo alcune ore di trattamento all’interno di queste vasche, capirete come sia facile e possibile distaccare tutte le carni e l cartilagini dalle parti ossee del capo.

Un abile disossatore dunque distacca minuziosamente ogni cartilagine e carne, mettendola in una vasca ad insaporire con aromi quali pepe,